Genere Rock Blog

Blog socioculturale orientato essenzialmente sullo stato reale delle cose. Teorie e punti di vista personali basati sulla attualità e sulla sovranità del singolo individuo. Sapere è potere e chi ama il Rock ama anche e soprattutto vivere la sua indipendenza nel rispetto reciproco e in totale libertà!

Puoi non essere d'accordo su ciò che troverai pubblicato in questo blog ma ricordati sempre che: io non voglio o devo convincerti su nulla e tu non hai bisogno di sapere se è vero o meno!

Work in progress...

giovedì 29 gennaio 2015

Genere Rock The Drummer - Hush - Deep Purple Cover



Genere Rock The Drummer - After Mind - Hush COVER
Filmato amatoriale - Pomezia - Piazza Indipendenza - 2006
After Mind, nome da me concepito per quell'occasione dagli eventi strani ed inaspettati. C'eravamo conosciuti appena tre giorni prima con il cantante, il bassista e il chitarrista, poiché cercavano appunto un batterista. Susseguirono alcune serate di prove in una stanza di casa mia che avevo a disposizione e gentilmente offerto per non pagare le sale prove un tanto all'ora.
A parte l'arroganza del cantante nell'esser a tutti i costi il leader sull'avvicendarsi di quell'ipotetico gruppo, la connessione musicale tra noi era abbastanza accettabile, soprattutto con il bassista il quale a suo dire aveva alle spalle diversi anni di studio al conservatorio, infatti era l'unico con una preparazione davvero ottimale. L'intenzione era quella di mettere su un gruppo cover che spaziava in tutti i rami del rock e dell'hard rock con i brani delle band più conosciute: Deep Purple, i miei preferiti; Led Zeppelin; Rolling Stones eccetera, compreso i vari rami del Blues più cliccato. Insomma, per me era un sogno che a distanza di qualche decina di anni si stava realizzando!

Per farla breve, alla terza serata di prove il cantante, di cui non ricordo neanche il nome, ci diede la notizia che l'indomani avremmo dovuto suonare ad una manifestazione di stampo politico a Piazza Indipendenza, a Pomezia. Beh che dire se non che ero molto eccitato al solo pensiero di suonare sul palco davanti a qualche centinaio di persone. Le cover sono state tre: la prima ad essere eseguita fu Jumping Flash dei Rolling Stones, Hush dei Deep Purple a seguire e per ultima Immigrant Song dei Led Zeppelin. A parte qualche incertezza del chitarrista e che l'affiatamento musicale era pressoché zero, posso dire senz'altro che è andato tutto per il verso giusto.
Tranne però per il mio stato psicologico inquieto, innervosito da una presenza che in quell'occasione tardava ad arrivare e che per quell'evento per me straordinario non poteva certo mancare, la mia famiglia, giunta soltanto al termine dell'esibizione. Inquietudine che si è poi riversata sul gruppo, tanto che il mio sogno alla fine è irrimediabilmente finito lì. Beh a dire il vero non è andata proprio così. Il vero motivo del crash fu che il giorno successivo mandai a quel paese il cantante per la sua presunzione di essere lui il leader e che tutto doveva essere fatto a sua insindacabile discrezione, neanche fosse stato Jan Gillan, Mike Jagger o Robert Plant, decisamente molto meno presuntuosi ...fanculo!       

§GR§