Genere Rock Blog

Blog socioculturale orientato essenzialmente sullo stato reale delle cose. Teorie e punti di vista personali basati sulla attualità e sulla sovranità del singolo individuo. Sapere è potere e chi ama il Rock ama anche e soprattutto vivere la sua indipendenza nel rispetto reciproco e in totale libertà!

Puoi non essere d'accordo su ciò che troverai pubblicato in questo blog ma ricordati sempre che: io non voglio o devo convincerti su nulla e tu non hai bisogno di sapere se è vero o meno!

Work in progress...

giovedì 30 luglio 2015

Ascanio Celestini - Scemo di guerra


Spettacolo teatrale di Ascanio Celestini - Scemo di guerra

«Il 4 giugno 1944 mio padre c’aveva otto anni. Mio padre diceva che rischiò di morire per una cipolla. Per quella cipolla uno scemo di guerra gli sparò addosso. Mio padre diceva che lo mancò per un pelo, ma perse la cipolla. Diceva che i tedeschi scappavano da Roma e gli alleati stavano arrivando. Tutti ’sti soldati attraversavano la città da sud verso nord, e invece lui per tornarsene a casa andava nella direzione opposta. Mio padre diceva che camminò contromano rispetto alla Storia». ...


Il giorno della liberazione di Roma dentro gli occhi di un ragazzino. Una storia raccontata per trent’anni, poi ramificata nella memoria e nella fantasia, dove il bombardamento di San Lorenzo può stare accanto alla leggenda del barbiere dalle mani belle e il rastrellamento del Quadraro si trasforma nella parabola delle mosche pacifiche e perfette.
Nelle pagine di Ascanio Celestini, così come nei suoi spettacoli, non resta che arrendersi all’incantesimo della grande narrazione.
Ascanio Celestini è nato a Roma nel 1972. Attore e autore di numerosi spettacoli teatrali, ha debuttato con Scemo di guerra alla Biennale di Venezia nel 2004. Questa è la sua prima prova letteraria. Ci sono un uomo e un ragazzino che attraversano Roma a piedi per tornarsene a casa. È il 4 giugno del 1944. Hanno un cartoccio con un pezzo di fegato e un uovo da mangiarsi per cena, e nella testa un progetto grandioso: mettere insieme mille lire per costituire «la società del maiale» e comprarsi un maiale sano sano, tutto intero. «Durante la guerra la notte è la fine del mondo», si dice in questo libro. Ma quel mattino sta iniziando davvero un giorno nuovo. I tedeschi lasciano la città sparsi e scalcinati, ben lontani dalle luccicanti parate di pochi mesi prima, e per le strade si vedono certi soldati nuovi di zecca. Potrebbero essere gli americani. O forse sono ancora tedeschi. A meno che non siano tedeschi travestiti da americani…
Raccontare senza ombra di retorica i momenti di svolta della storia richiede un talento molto speciale: nella scrittura di Ascanio Celestini, così come negli occhi di questo ragazzino che guarda gli aeroplani rincorrersi nel cielo, c’è la capacità di vedere dentro, dietro, intorno alle cose. Con il vertiginoso concatenarsi tipico della narrazione orale, cronaca e favola s’incontrano dando vita al piacere purissimo del racconto. In una struttura insieme rapsodica e sinfonica vediamo una guerra che è tutte le guerre, un soldato che è tutti i soldati, vediamo la storia diventare mito. E piano piano si assottiglia la differenza fra quello che è stato e quello che avrebbe potuto essere. Perché «quando uno si mette a raccontare… racconta e racconta… e all’inizio dice quello che è successo veramente, ma poi finisce per raccontare quello che avrebbe voluto che succedeva». Ascanio Celestini è una delle voci più note del teatro di narrazione in Italia. La sua scrittura nasce sempre da un lavoro di indagine condotto attraverso interviste e laboratori. Del 2000 sono Radio Clandestina, sull’eccidio delle Fosse Ardeatine, e Cecafumo, sulla fiaba. Del 2002 è Fabbrica, che racconta cinquant’anni di storia operaia attraverso tre generazioni. Nel 2004 ha girato con Fandango il documentario Senza Paura, storie e musiche di lavoratori notturni. Per Radio 3 ha scritto e interpretato diverse trasmissioni, tra cui Bella Ciao sul tema del lavoro e della Resistenza. Con Donzelli ha pubblicato Cecafumo, Fabbrica e la ripresa televisiva di Radio Clandestina.

Così ivi riporto dal web per vostra semplice informazione.