Genere Rock Blog

Blog socioculturale orientato essenzialmente sullo stato reale delle cose. Teorie e punti di vista personali basati sulla attualità e sulla sovranità del singolo individuo. Sapere è potere e chi ama il Rock ama anche e soprattutto vivere la sua indipendenza nel rispetto reciproco e in totale libertà!

Puoi non essere d'accordo su ciò che troverai pubblicato in questo blog ma ricordati sempre che: io non voglio o devo convincerti su nulla e tu non hai bisogno di sapere se è vero o meno!

Work in progress...

mercoledì 11 gennaio 2017

Deep Purple - Time For Bedlam



Deep Purple
Time For Betlam
IL TEMPO DEL MANICOMIO

(video musicale con sottotitoli in italiano)

Bedlam è una forma precedente del nome inglese Bethlehem, che si riferisce all'opedale di St. Mary of Bethlehem di Londra, usato come casa di cura per i matti. Il termine Bedlam riporta oggi ad una situazione di frastuono e confusione, pertanto bedlam si può tradurre con manicomio, pandemonio, confusione, finimondo, caciara.

Il TESTO del brano è piuttosto inquietante e riassume in poche frasi ben riposte lo stato di falsità e di oppressione in cui l'uomo è sottoposto fin dalla sua nascita:

Scendendo i gradini freddi dell'istituzione affinché il politicamente folle
non venga mai più rivisto
dicendo addio alla luce del giorno
d'ora in poi marcirò in un letto maleodorante di paglia bagnata

fin dalle ceneri della vita ho imparato a fare il bravo
cosa credere, cosa non dire, dalla culla alla tomba
ah... come un bravo piccolo schiavo

succhiando il mio latte dalla tetta velenosa dello stato
ciò chiaramente progettato per sopprimere ogni pensiero di fuga
ah... mi arrendo al destino

nessuna pietà, nessuna pietà
non voglio alcuna pietà per me in questa sporca prigione
ci vediamo all'inferno
ci vediamo all'inferno

congelato nel tempo, sono un esemplare bloccato al mio trono
con un esercito di farfalle messe alla gogna serene e prone
ah... Non fummo mai soli

nessuna pietà, nessuna pietà
non voglio pietà per me in questa sporca prigione
ci vediamo all'inferno

dopo secoli di un vivere di null'altro che delle mie convinzioni
dita spezzate che graffiano le pareti della mia incarcerazione
sfuggendo alle grinfie dell'eterna dannazione
fui giustificato.

Testo tradotto da sarrasta85


Così ivi riporto dal web per vostra semplice informazione.